Miniera

All’inizio del 20 ° secolo, ha anche stimolato lo sviluppo di nuove tecnologie come auto elettriche, automobili e computer. All’inizio del 21 ° secolo, è emersa una nuova ondata di innovazioni nell’informatica e nell’intelligenza artificiale (AI).
L’estrazione mineraria è una delle attività più importanti nella storia della civiltà umana e il processo di ritorno del paese al suo stato naturale consiste in diversi passaggi. Il primo è la scoperta di corpi minerali, che viene effettuata trovando e definendo la dimensione, la posizione e il valore di un corpo minerale.
Questi depositi costituiscono una materia prima mineralizzata di interesse economico per il minatore, come oro, argento, rame, nichel o rame. Il minerale estratto dalla miniera comprende minerale di ferro, cobalto, piombo, zinco, oro e altri metalli preziosi, oltre a rame e oro.
Le miniere di selce si trovano in aree calcaree, dove pozzi e gallerie seguono le suole rocciose sotterranee. La più antica miniera conosciuta nella documentazione archeologica è la tomba Grimes a Krzemionki, che ha più di 43.000 anni ed è particolarmente famosa. A differenza della maggior parte delle altre miniere di selce, miniera Grimesgraves a Cracovia è di origine neolitica e la più antica in Polonia.
La miniera d’oro è la terza miniera più profonda del mondo con una profondità di 3,7 km ed era la più grande e la più grande dell’antico Egitto.
La miniera Driefontein si trova nella provincia sudafricana di Gauteng e la seconda più grande miniera d’oro in Africa con una profondità di 3,7 km. La miniera di Savuka, situata nell’angolo sud-occidentale del Parco nazionale sudafricano, è anche la quarta miniera più profonda del mondo, con una profondità operativa di 2,5 km e una superficie totale di 1,8 km. Entrambe le miniere condividono un’area di lavorazione e ogni miniera produce oro.
Il giacimento, situato in un’area di estrazione storica del rame, è delineato da una serie di depositi profondi 2,5 km e lunghi 1,8 km. La miniera è stata messa in funzione alla fine degli anni 1990 e inizialmente aveva una capacità produttiva di 500.000 tonnellate di oro all’anno.
Secondo i piani per le miniere in fase avanzata, la miniera di Collahuasi avrà una durata di 51 anni da 2020 a 2070. I piani per espandere la miniera di Driefontein sono in fase di revisione e potrebbero prolungare la vita della miniera di circa 13 anni fino a circa 2035.
La miniera a cielo aperto di Garzweiler, che prende il nome dal vicino villaggio di Garzweiler, copre un’area di 48 km2 ed è attualmente la più grande miniera a cielo aperto del mondo. La miniera di Bingham Canyon sulla costa occidentale della California, a sud di Los Angeles, è la seconda più grande miniera di rame artificiale in Nord America. Si sostiene che BingHAM Canyon è ” la più grande miniera di rame al di fuori degli Stati Uniti.”
I Romani svilupparono numerosi acquedotti per portare grandi quantità di acqua nella zona della miniera. Questa acqua è stata utilizzata per una varietà di scopi, tra cui la rimozione di sovrapposizioni (roccia e detriti), nota come estrazione idraulica, la frantumazione e la frantumazione del minerale e la potenza di semplici macchinari. I Romani usavano metodi di estrazione idraulica-metodi di estrazione su larga scala-per estrarre il rame in una forma di estrazione che è ormai obsoleta, il cosiddetto occultamento.
La lavorazione del minerale, i rifiuti e i depositi di roccia sono stati portati in superficie attraverso gallerie e pozzi e scavati nel terreno per raggiungere i depositi minerari sotterranei. Quando un serbatoio pieno è stato aperto, il coperchio è stato sigillato dal diluvio, esponendo la roccia e le vene sottostanti.
Le tecniche minerarie possono essere suddivise in due categorie: miniere sotterranee e di superficie. L’estrazione sotterranea è classificata in base ai pozzi di accesso utilizzati e ai metodi e alle tecniche di estrazione utilizzati per raggiungere i giacimenti minerari.
L’estrazione di minerali bersaglio con questa tecnica richiede che il minerale bersaglio sia solubile in cloruro di sodio e solfato di sodio disciolto in acqua. Questo viene fatto per degradazione, che include la lisciviazione in situ e l’estrazione in situ mediante acido cloridrico (H2O). Questa tecnica prevede lo scavo sopra o sotto terra e la rimozione dei depositi minerali dalla superficie per mezzo di un pozzo sotterraneo.
Una miniera sottomarina è un’arma subacquea costituita da una carica di esplosivi dotata di un dispositivo esplosivo che la fa esplodere. Di solito, le miniere sottomarine vengono posate da una nave speciale chiamata minelayer e lasciate cadere da aerei speciali, che sono sfere d’acciaio a forma di uovo che contengono un volume sufficiente di acqua per consentire alla miniera di andare alla deriva nell’acqua.
La lunghezza del cavo in cui è legata la miniera dipende dalla sua profondità e dalla profondità a cui è ancorata. In alcuni punti, le miniere sono ancorate a profondità fino a 1.000 metri.
Sebbene l’estrazione mineraria sia meno pericolosa oggi rispetto ai decenni precedenti, si verificano ancora incidenti minerari. La sicurezza rimane una preoccupazione, soprattutto per coloro che sono coinvolti nell’estrazione di metalli preziosi come oro, argento, rame, zinco e rame.